Fresatrice per legno: dai spazio alla tua fantasia

Fresatrice per legnoIl legno è uno dei materiali più difficili da lavorare. Non è un metallo (resta comunque uno dei più complicati) ma anche quello che permette di eseguire dei piccoli lavoretti di artigianato da esibire in salotto. L’elettroutensile per lavorare su un materiale così, è la fresatrice per legno.
Cosa è possibile fare con una fresatrice per legno?
Adesso te ne elencheremo alcuni:
Perfetta per rifinire gli spigoli sia esterni che interni di una porta o di una cornice.
Possibilità di eseguire fori scanalature nel legno decidendo tu la forma. Questo ti permetterà poi, se stai lavorando su una porta, di inserire una maniglia. Magari, a seconda del tuo progetto, potrai creare piccoli oggetti come i posacenere o le posate. Se sei un artista ancora meglio. Potresti eseguire delle decorazioni. Così, perché no, piuttosto che ammirare in una qualsiasi fiera le decorazioni eseguite da altri artigiani, potresti confrontarle con quelle fatte da te.
Potremmo farti altri mille esempi sui diversi utilizzi, ma non è il caso di perdere tanto tempo solo per questo. Vediamo invece le tipologie.

 

Fresatrice manuale per legno: i modelli verticali

Quando parliamo di fresatrice manuale per legno, ci riferiamo alla fresatrice verticale, ovvero l’elettroutensile che permette meglio di tutti gli altri di lavorare il legno in modo davvero perfetto e preciso.
La fresatrice verticale per legno, proprio per la sua particolarità di essere manuale, risulta essere perfetta se si vogliono eseguire delle decorazioni, dei lavori su bassorilievo e tutto quello che richiede massima attenzione e precisione (anche se come vedremo nel prossimo paragrafo, ci sono delle tipologie ancora più precise).
Tra i modelli più economici e performanti, consigliamo Bosch POF 1200 AE, ad un prezzo leggermente superiore si può optare per il miglior modello hobbistico, la Bosch pof 1400 Ace.
Ai professionisti, invece, consigliamo la Triton tra001.
Se vuoi però vedere e confrontare da te i prezzi e le caratteristiche dei diversi modelli manuali, clicca qui.

 

Rifilatore per legno

Il rifilatore può essere scambiato per una fresatrice verticale, ma in verità non parliamo esattamente dello steso elettroutensile. Mentre la fresatrice  può eseguire anche i compiti più difficoltosi e impegnativi, il rifilatore è ideale solo per le rifiniture di bordi e angoli, ad esempio. Quindi perfetto per i lavori di precisione.
A livello hobbistico consigliamo la Makita 3709. A livello professionale la Dewalt d26200. Se però vuoi usufruire di un rifilatore con più basi (per eseguire davvero diversi compiti) scopri nel dettaglio la Makita rt0700cx3j.

 

Fresatrice da banco per legno

La fresatrice da banco per legno, come da nome, si avvale di un piano di appoggio dove poter fresare il legno. Risulta comoda perché avrai a disposizione, per l’appunto, una base su cui lavorare. Risulta però allo stesso tempo ingombrante, visto che una volta finito il lavoro non la puoi mettere in valigetta e nascondere nello sgabuzzino. Devi trovale un posto in garage visto le dimensioni non certo contenute. Non assicura la stessa precisione che potresti avere con una fresatrice verticale, ma risulta essere l’ideale per fare cornici, finestre e porte.

 

Fresatrice orizzontale/lamellare per legno

La differenza principale tra una fresatrice verticale ed una orizzontale (detta anche fresatrice lamellare) sta naturalmente nella diversa fresatura, come si evince già dal nome. I modelli orizzontali ad uso industriale (come le cnc in basso) vantano un basamento e un sistema di taglio posizionato orizzontalmente. Ma i prodotti di cui noi ci occuperemo sono quelli ad uso hobbistico e professionale. Nessuna base, solo il tuo elettroutensile portatile con cui poter eseguire delle perfette giunzioni.
Tra i modelli più leggeri, facili da maneggiare e pure economici, consigliamo Einhell TC BJ 900. Un po’ più costosa ma più performante la Triton tbj001.

 

Fresatrice CNC per legno

La fresatrice CNC per legno è dotata di un sistema computerizzato, ciò permette all’elettroutensile di fare tutto, senza che tu debba eseguire nulla, se non premere dei semplici comandi per avviare la fresatura. E nel caso intervenire, se qualcosa non sta andando come dovrebbe andare. Il processo può essere sia automatizzato che no, ma una cosa è certa, il costo della fresatrice CNC per legno è proibitivo per un hobbista o per il singolo professionista. Infatti tale elettroutensile è più adatto a livello industriale, dove vengono sfruttate appieno le sue potenzialità.

 

Come fresare il legno?

Ti daremo delle semplici dritte su come fresare il legno, dei piccoli accorgimenti che potrebbero rivelarsi utili per i meno esperti o una semplice ripetizione per chi ha già parecchia pratica.
Il primo accorgimento è quello chele frese devono sempre poter girare sul legno. Nel caso della fresatrice manuale per legno, bisogna spostare l’utensile nella stessa direzione presa dalla fresa.
Invece, se parliamo di fresatrice da banco, il legno lo devi muovere nella direzione opposta, tranne se stai eseguendo delle scanalature.
Un ultimo accorgimento è quello di far lavorare la fresatrice sempre ad alta velocità e in modo costante, cercando di effettuare più passate andando sempre più in profondità.

 

Fresatrice per legno: prezzi

La somma finale da spendere dipende naturalmente dal tipo di fresatrice richiesta. Prendiamo ad esempio il modello verticale e quello da banco.
La fresatrice verticale è la più usata oltre che la più economica (a livello hobbistico). La fresatrice da banco per legno invece ha un costo superiore (anche a livello hobbistico) proprio dovuto alla sua particolarità di avere già un piano di appoggio. Tuttavia specifichiamo che la fresatrice verticale (in base al modello scelto) può comunque essere montata a banco, ne è una prova la Triton mof001.
Quindi la spesa finale è influenzata intanto dalla tipologia scelta e poi dall’ambito di utilizzo: se hobbistico (più economica) o professionale (meno economica).

Dopo averne visto gli utilizzi e non solo, scopriamo le Migliori 3 Fresatrici per legno (scelte in base al rapporto qualità prezzo) e le rispettive offerte.

 

Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2018 0:41

 

Precauzioni nell’uso della fresatrice per legno!

Quando utilizziamo la fresatrice per legno, bisogna anche stare attenti e prendere le dovute precauzioni. Sì, perché non basta solo leggere una guida per fresare e poter lavorare tranquillamente al tuo progetto. Molto importante che tu rispetti delle semplici regole, che ti permetteranno di iniziare il tuo lavoro incolume e di concluderlo allo stesso modo. Ecco alcune dritte:

  • Mai avvicinare le mani alla fresa in movimento, lo so, sembriamo la più classica mamma chioccia, ma ci teniamo alla tua salute e a quella delle tue mani e non vogliamo che fratello pollice si ritrovi orfano di mamma papà e fratellini.
  • Indossare il giusto equipaggiamento, quindi maschera anti-polvere, che naturalmente deve essere dotata degli occhiali di protezione oltre che dei filtri, e scarpe antinfortunistiche. Questo sarebbe il giusto equipaggiamento. Ah naturalmente, anche se è estate, non lavorare con le infradito. Pure se fa caldo, abbi pietà dell’alluce, e metti le scarpe antinfortunistiche, o almeno delle scarpe. Ma le infradito proprio no.
  • Anche l’ambiente di lavoro è importante. Quindi, un posto dove hai abbastanza spazio di movimento, senza che tutto sia accalcato. E un ambiente, dove non ci sono nelle vicinanze dei bambini.
  • La spina della fresatrice deve essere inserita solo quando si lavora, non lasciatela accesa senza alcun motivo. Questo potrebbe anche accadere se siete distratti da qualcuno, quindi anche per questo ti rinnoviamo la precauzione precedente, non lavorate in un ambiente in cui ci sono bambini nei paraggi. Sembra un consiglio superfluo, sembriamo davvero una mamma chioccia che si preoccupa del figlio già maturo e autosufficiente, però non ci possiamo fare nulla e ti rinnoviamo l’invito a prendere tutte queste precauzioni, così sarai più tranquillo tu, chi ti lavora attorno e anche noi.