Fresatrice lamellare: scopriamone l’utilità, i modelli e i prezzi

fresatrice lamellareIn questa pagina parleremo della fresatrice lamellare che è anche abbastanza conosciuta come fresatrice orizzontale e biscottatrice (e non solo). Quest’ultimo termine già ci fa pensare a qualcosa che abbia a che fare con bel biscotto, ma naturalmente la realtà è ben diversa e nel corso dell’articolo scopriremo a cosa serve davvero una fresatrice lamellare. E non solo, ti consiglieremo anche i migliori modelli e faremo una distinzione tra le diverse lamelle utilizzabili.
Precisazione: la fresatrice per lamelle è chiamata anche fresatrice orizzontale, tuttavia questo nome è più indicato (giusto per essere precisi) per rappresentare una vasta categoria di elettrofresatrici piuttosto che un singolo prodotto.

 

 

Prima però di scoprire quanto già annunciato in precedenza, vogliamo segnalarti le seguenti offerte. Specifichiamo però, che le stesse offerte potrebbero non essere più valide. Per verificarne la validità  basta cliccare sul link in basso: “Scopri l’offerta”.

 

Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2018 15:52

 

Fresatrice per lamelle: i modelli migliori

Le fresatrici lamellari che abbiamo giudicato come migliori le abbiamo anche recensite. Nei paragrafi in basso intanto potrai leggere una breve presentazione, dopodiché se uno dei modelli ti incuriosisce potrai leggere la recensione completa cliccando sul link che ti forniremo. Oltre a leggere la recensione completa, potrai anche scoprire il prezzo di ogni singola elettrofresatrice.

Fresatrice lamellare per hobbisti: consigliamo Einhell TC BJ 900

La prima fresatrice per lamelle che consigliamo è Einhell tc bj 900. Modello suggerito solo per un uso di tipo hobbistico.
Perché lo consigliamo?
Perché è potente (ben 860 watt), maneggevole e costa poco [puoi vedere subito qui il prezzo]. Considerando proprio il basso costo la fresatrice per giunzioni ci stupisce positivamente con prestazioni all’altezza di un uso hobbistico.
Per saperne di più puoi leggere la nostra recensione cliccando su Einhell tc bj 900.

Fresatrice lamellare per semiprofessionisti: consigliamo Triton tbj001

Agli hobbisti esigenti e per chi è alle prese con compiti semi-professionali consigliamo la Triton tbj001. Il rapporto qualità prezzo è assolutamente eccellente e non solo per l’ottima fattezza del prodotto e per le sue caratteristiche, ma anche perché in dotazione con l’acquisto dell’elettrofresatrice si disporrà di tanti accessori.
Quali accessori?
Giusto per citarne alcuni: 75 lamelle e un set di spazzole in carbone. E se vuoi scoprirli tutti e saperne di più su questo prodotto, clicca su Triton tbj001.

Fresatrice lamellare per professionisti: consigliamo Makita pj7000

Solidità e costanza di rendimento sono due delle principali caratteristiche che contraddistinguono la fresatrice lamellare Makita pj7000. Prodotto che può essere usato anche per compiti professionali. Facile da utilizzare e anche immediata, considerando che sono già preimpostate sei posizioni di fresatura, così da realizzare immediatamente i biscotti più comuni.
Elettrofresatrice per lamelle che abbiamo recensito (clicca su Makita pj7000 e leggi la recensione completa).

 

Biscottatrice: a cosa serve?

Ed eccoci qui. Pronti a capire quali sono le funzioni e le specifiche tecniche di questo eccezionale strumento? Iniziamo subito.
A cosa serve la biscottatrice o fresatrice lamellare?
La fresatrice lamellare o anche detta fresatrice per lamelli è uno strumento che permette di unire due pezzi di legno insieme, senza dover utilizzare dei chiodi o delle viti.
Eh sì, ma allora come faccio ad unire due pezzi di legno assieme, senza usare chiodi o viti?
Domanda più che legittima e noi rispondiamo che è davvero, ma davvero, semplicissimo. Semplice come fare dei biscotti. Ti spieghiamo rapidamente come funziona una fresatrice lamellare e vedrai da te quanto sia semplice e comodo utilizzarla.
Nei bordi opposti di due pezzi di legno, bisogna fare un’incisione che sarà a forma di mezzaluna. Poi bisogna solo metterci un “biscotto”, volgarmente chiamato biscotto, ma in realtà è un piccolo pezzo di legno dalla forma ovale, che grazie a della colla, incollerai all’interno della mezzaluna. A questo punto non ti resterà che collegare le due superfici in legno. Avrai così ultimato il tuo lavoro. Avrai finalmente e rapidamente unito i due pezzi di legno, formandone solo uno. Tecnicamente avrai realizzato un giunto.
Con un modello lamellare sarà pure possibile eseguire alcune delle operazioni tipiche di una classica fresatrice, come: scanalare, spianare, fare delle fessure e degli incavi.

 

Fresatrice per giunzioni: la scelta delle lamelle

Uno degli aspetti da considerare è la scelta delle lamelle. Ecco qui quali sono le principali:
N.0: hanno uno spessore di 4 mm, misurano 47 x 15 mm e sono ideali per i pannelli  che hanno uno spessore massimo di 12 mm e minimo di 8 mm.
N.10: misurano 53 x 19 mm, lo spessore è sempre di 4 mm e sono ideati per pannelli da 12 e 15 mm.
N.20: spesse 4 mm, misurano 57 x 23 mm e per pannelli con spessore superiore ai 15 mm.
S6: per spessori superiori ai 20 mm, misurano 85 x 30 mm e sono anch’essi spessi 4 mm.
H9: ideali per l’assemblaggio delle cornici, sono spesse solo 3 mm e misurano 38 x 12 mm.
In linea generale le prime tre sono compatibili con tutte le fresatrici, mentre le ultime due sono più particolari e dovrai valutare se il prodotto da te scelto è in grado di supportarle.

 

Fresatrice lamellare: prezzi

Quanto costa una fresatrice lamellare?
Non tanto, basta non parlare però della fresatrice per lamelli professionale. Quest’ultima costa di più proprio perché nata per i mestieranti che eseguono ogni giorno lavori a livello professionale, ma se parliamo di fresatrice lamellare a livello hobbistico allora possiamo dirti che costa davvero poco, [qui puoi confrontare i vari prezzi].
Quindi, potrai fare tutti i lavori che vuoi con la tua biscottatrice o fresatrice lamellare o fresatrice per lamelli. Quasi ci scordavamo, è anche chiamata fresatrice orizzontale per linguette o fresatrice per giunzioni o fresatrice per tasselli. Insomma, all’anagrafe hanno fatto un po’ di confusione. Noi però preferiamo chiamarla biscottatrice (molto probabilmente perché il termine ci fa pensare ai biscotti preparati in famiglia).